venerdì 11 giugno 2010

quando i bambini ti insegnano

Oggi mio figlio mi ha fatto cambiare idea e lo ha fatto in maniera per me soprendente, utilizzando le stesse tecniche che cerco di usare su di lui.

Stamane sono uscito per accompagnare i bambini a scuola, e appena partito mi sono accorto di avere dimenticato a casa le chiavi per chiudere la bicicletta con i catenacci. Ero già in ritardo, e il recupero delle chiavi avrebbe provocato la perdita del treno.

-Poco male- dico, -tanto la metto nel garage della ditta, non dovrebbe succederle nulla-.

G. - ma papà, potrebbero rubare la tua bici?-
p.v. - sì, in teoria, visto che non la posso chiudere-
G. - papà, ma passa un altro treno dopo il tuo?-
p.v. - sì, ne passa un altro-
G. - papà, ma puoi arrivare al lavoro un po' più tardi?-
p.v. - beh, sì, sono fortunato e non controllano rigidamente gli orari-
G. - papà, ma è più importante se ti rubano la bici o se arrivi un po' in ritardo al lavoro?-
p.v. - direi che è più importante la bicicletta. Il lavoro lo recupero, la bicicletta rubata no.-
G. - papà, allora perché non torni indietro a prendere le chiavi?-

Ho riflettuto meno di un secondo e sono tornato indietro a prendere le chiavi. Inutile dire che sono fiero dei miei bambini, e che mi vergogno un po' per me stesso ...

Per la cronaca, al pelo ma sono riuscito a prendere il mio solito treno.

2 commenti:

frank ha detto...

sono forti i bambini: a volte sanno far diventare le cose più semplici di come ci apparivano.

Pimpa ha detto...

sì, è vero ciò che dice frank.
ascoltiamoli, finchè sono piccoli sanno elargire queste perle di saggezza.
poi crescono e da quella che era stata una ingenua boccuccia cominciano a uscire i vari vaff... va beh, ma questa è un'altra storia!